Sitemap
Condividi su Pinterest
Gli adolescenti transgender segnalano differenze rispetto agli adolescenti cisgender quando si tratta di risultati sulla salute.Christian Beirle González/Getty Images
  • Si ritiene che circa l'1% dei giovani soffra di disforia di genere.Ciò include coloro che fanno domande transgender e di genere.
  • Un nuovo studio sugli studenti delle scuole superiori ha scoperto che gli adolescenti transgender e che fanno domande sul genere hanno aumentato i fattori di rischio di bullismo, problemi di salute mentale e suicidio.
  • Questi adolescenti hanno anche risultati di salute peggiori rispetto ai giovani cisgender.
  • Gli autori chiedono interventi mirati a sostegno dei giovani delle minoranze di genere.

Disforia di genere, o minoranza di genere, è "una condizione in cui una persona ha una marcata incongruenza tra il genere espresso o sperimentato e il sesso biologico alla nascita".Numeri in aumentodegli adolescenti sono in cerca di cure presso i servizi di identità di genere.

Una revisione degli articoli pubblicati tra il 2011 e il 2016 ha rilevato che tra lo 0,17% e l'1,3% dei giovani identificati come transgender.Hanno mostrato tassi più elevati di morbilità psichiatrica rispetto ai loro coetanei.E in unStudio 2017dalla Finlandia, l'1,3% degli adolescenti ha mostrato segni di disforia di genere clinicamente significativa.

Una rassegna di studinella salute mentale degli adulti transgender ha riscontrato un aumento del rischio di depressione e disturbi d'ansia.Tuttavia, sono state pubblicate poche ricerche sull'effetto dei problemi di identità di genere sui rischi per la salute e la salute mentale nei giovani.

Recentemente,uno studionegli Stati Uniti, pubblicato su JAMA Network, ha esaminato i fattori di rischio e gli esiti sulla salute negli adolescenti delle minoranze di genere.

Uno studio su larga scala

I ricercatori hanno analizzato i dati del 2017 e del 2019Indagini sul comportamento a rischio dei giovanidi 46 stati.Il loro campione basato sulla popolazione comprendeva quasi 200.000 adolescenti dai 9 ai 12 anni dei 15 stati che hanno accettato di includere una domanda sul genere nel loro sondaggio.

Dott.Louise Theodosiou, consulente psichiatra per bambini e adolescenti e rappresentante del Royal College of Psychiatrists, ha dichiarato a Medical News Today:

"La cosa molto positiva di questo studio è che il sistema di sorveglianza del comportamento a rischio dei giovani è uno strumento di indagine consolidato […] Da una prospettiva di intersezionalità, che è ovviamente incredibilmente importante quando si pensa alla diversità di genere, possiamo vedere che hanno cercato di ottenere un campione rappresentativo di giovani americani”.

Tuttavia, l'autore principale Dr.Gilbert Gonzales, assistente professore presso il Dipartimento di Medicina, Salute e Società della Vanderbilt University, ha detto a MNT che avrebbe gradito i dati di più stati.

“Purtroppo, solo 15 stati raccolgono dati sull'identità di genere, il che limita la generalizzabilità dei nostri risultati. Più stati e sondaggi federali devono raccogliere dati sull'identità di genere per migliorare la nostra comprensione delle diverse popolazioni di genere", ha affermato.

Di coloro che hanno risposto al sondaggio, l'1,8% si è dichiarato transgender e l'1,6% si è interrogato sul genere.Il restante 96,6% era cisgender.Circa la metà di coloro che si sono identificati come transgender o che fanno domande sul genere erano lesbiche, gay o bisessuali, rispetto a 1 su 10 di coloro che si sono dichiarati cisgender.

Il sondaggio

Tutti coloro che hanno partecipato allo studio hanno risposto a domande sugli stessi argomenti per l'indagine sul comportamento a rischio dei giovani.Questi includevano:

  • Identita `di genere
  • Sessualità
  • Esperienze di appuntamenti, inclusa qualsiasi esperienza di violenza
  • Comportamenti sessuali a rischio
  • Esperienza di bullismo
  • Salute mentale, compresi pensieri e tentativi suicidi
  • Consumo di droghe, sigarette e alcol.

"Lo strumento del sondaggio è stato formulato in modo da non stigmatizzare i giovani".

— Dott.Luisa Teodosio

Aumento dei rischi

Gli adolescenti delle minoranze di genere hanno riportato fattori di rischio aumentati e risultati peggiori in 5 domini di salute - bullismo, incontri sessuali e violenza, salute mentale e suicidalità, comportamenti a rischio sessuale e uso di sostanze - rispetto ai giovani cisgender.

“Troviamo grandi disparità nel bullismo e negli esiti negativi sulla salute mentale sia per i giovani transgender che per quelli di genere. Ciò dimostra che i giovani transgender e che mettono in discussione il genere hanno bisogno di supporto e protezione”.

— Dott.Gilbert Gonzales

Bullismo e suicidio

In particolare, sia gli adolescenti transgender che quelli che mettono in discussione il genere avevano molte più probabilità di denunciare il bullismo: rispettivamente il 41,3% e il 37,1% aveva subito atti di bullismo a scuola, rispetto al 18% dei giovani cisgender.

Anche i giovani delle minoranze di genere avevano un rischio di suicidio significativamente più alto.Quasi la metà di tutti i giovani transgender aveva preso in considerazione l'idea di togliersi la vita, con il 30% che ha tentato di farlo.

Le cifre erano solo leggermente inferiori per coloro che mettevano in discussione il genere.Per gli adolescenti cisgender, il 16,2% ha riferito di aver preso in considerazione e il 6,9% di aver tentato il suicidio.

Dott.Theodosiou non fu sorpreso ma rattristato dai risultati:

“Questa è una popolazione di giovani che raccontano aneddoticamente di essere molto infelici. Quindi abbiamo davvero bisogno di dati. I metodi utilizzati erano pragmatici e, in realtà, i risultati erano in linea con ciò che mi sarei aspettato di vedere come medico".

"Le informazioni sull'uso di sostanze e il suicidio sono molto preoccupanti", ha continuato.

Più dati necessari

Dott.Gonzales ha affermato che è necessario più lavoro per studiare tali fattori di rischio e trovare soluzioni praticabili.

"I dati per studiare le minoranze sessuali e di genere sono incredibilmente limitati e abbiamo bisogno di misure accurate dell'orientamento sessuale e dell'identità di genere in ogni sondaggio e sforzo di raccolta dati per comprendere meglio la salute di queste popolazioni emarginate".

— Dott.Gilbert Gonzales

“I giovani vogliono che vengano poste domande su come si identificano. […] Incoraggerei gli epidemiologi a fare in modo che stiamo ponendo le domande giuste nel modo giusto in modo da avere informazioni significative e poter pianificare meglio le esigenze di benessere delle persone in futuro",Dott.Teodosio fu d'accordo.

Tutte le categorie: Blog