Sitemap

Navigazione veloce

Condividi su Pinterest
Gli esperti affermano che ci sono un certo numero di posti in cui le persone possono cercare aiuto per problemi di salute mentale causati da COVID-19.Klaus Vedfelt/Getty Images
  • I ricercatori affermano che le persone che sono state ricoverate in ospedale per COVID-19 hanno un rischio maggiore di sviluppare problemi di salute mentale come ansia, depressione e disturbo bipolare.
  • Gli esperti affermano che il rischio più elevato è in parte dovuto al fatto che il COVID-19 può attaccare numerose parti del corpo e causare stress mentale.
  • Dicono che le persone dovrebbero essere informate sui potenziali problemi di salute mentale quando vengono dimesse dall'ospedale dopo essersi riprese dal COVID-19.

Il COVID-19 provoca in genere sintomi simili all'influenza, come febbre, mal di gola, mancanza di respiro, dolori muscolari e mal di testa.

Con il COVID-19, però, anche alcune persone sperimentanoeffetti a lungo termine. Il nuovo coronavirus può colpire molti sistemi e organi del corpo, inclusi cuore, reni e cervello.

Può anche causare condizioni psichiatriche come ansia, depressione, disturbo bipolare e demenza.

UNnuovo studiopubblicato sulla rivista Psychiatry riporta che le persone con COVID-19 grave e altre infezioni respiratorie gravi (SARI) sono più a rischio di sviluppare una malattia neuropsichiatrica entro 12 mesi dalla loro condizione.I ricercatori hanno esaminato nuove diagnosi di salute mentale che includevano ansia, demenza, psicosi, depressione e disturbo bipolare.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche delle persone che sono state dimesse dopo il ricovero ospedaliero correlato a COVID-19 o SARI.Partendo da un pool di 8 milioni di persone, gli scienziati hanno esaminato le cartelle cliniche di 16.679 dimissioni ospedaliere da una SARI e 32.525 da un ricovero per COVID-19.

I ricercatori hanno riferito che per le persone che hanno avuto COVID-19 o SARI, il rischio di sviluppare malattie neuropsichiatriche entro 12 mesi dalla dimissione dall'ospedale era maggiore rispetto a quelli ricoverati in ospedale per altre condizioni mediche.

Tuttavia, confrontando i risultati di COVID-19 e SARI, i ricercatori hanno trovato risultati simili che indicano che gravi infezioni respiratorie potrebbero comportare una diagnosi di salute mentale anche dopo il recupero.

"È importante notare che le persone in questo studio hanno avuto infezioni abbastanza gravi da richiedere il ricovero in ospedale",Dott.Alex Dimitriu, uno psichiatra esperto in medicina del sonno, ha detto a Healthline. “Il ricovero spesso significa che le cose sono diventate clinicamente abbastanza gravi da richiedere una degenza in ospedale, e questo spesso significa ipossia, sepsi o altri sintomi di malattia che sono diventati gravi. Quando il corpo è così malato, ci sono sicuramente impatti sul cervello – da infezioni, infiammazioni o scarso ossigeno, e questi possono essere dannosi per il tessuto cerebrale”.

Uno studio pubblicato nel febbraio 2022 ha trovato associazioni simili tra il recupero da COVID-19 e le diagnosi di salute mentale.

Questo studio ha esaminato 153.848 cartelle cliniche di veterani negli Stati Uniti che sono risultati positivi al COVID-19.I ricercatori hanno confrontato quei veterani con le cartelle cliniche di 5 milioni di veterani senza prove di COVID-19 e un gruppo di controllo di quasi 6 milioni di veterani prima della pandemia.

I ricercatori hanno riferito che c'è stato un aumento significativo delle diagnosi di salute mentale nel gruppo che aveva COVID-19 anche tra coloro che non hanno richiesto il ricovero.Le diagnosi includevano:

  • Ansia, depressione e disturbi da stress.
  • Dipendenza da oppiacei.
  • Uso di sostanze.
  • Declino neurocognitivo.
  • Disordini del sonno.

I ricercatori hanno anche confrontato il gruppo COVID-19 con persone con diagnosi di influenza stagionale e altre infezioni virali respiratorie.Hanno scoperto che quelli con COVID-19 avevano costantemente un rischio più elevato di sviluppare malattie mentali.

"COVID è una sindrome di tutto il corpo",Dott.David A.Merrill, il direttore del Brain Health Center del Pacific Neuroscience Institute in California. “Non sorprende che ci siano effetti psichiatrici del virus. Vediamo effetti sia medici che psicologici a lungo termine con le ricadute riscontrate dalla testa ai piedi. Questo potrebbe essere dovuto al virus stesso, all'infiammazione o a fattori immunologici".

Cosa si può fare?

Gli esperti affermano che il primo passo è rendersi conto che i problemi di salute mentale sono reali.

Dicono che le persone dovrebbero essere avvertite dei sintomi di salute mentale nelle persone dopo che si sono riprese da COVID-19.

"Le istruzioni di dimissione per i pazienti ospedalizzati dovrebbero includere il follow-up con il loro medico di base per valutare la loro salute fisica e mentale", ha affermato Merrill. "Il medico di base dovrebbe anche parlare con coloro che non hanno richiesto il ricovero in ospedale al termine del trattamento".

"Le istruzioni di dimissione potrebbero includere questionari per ansia e depressione", suggerisce Dimitriu. “Le informazioni su come la depressione, l'ansia e il disturbo bipolare presenti possono essere utili. Dovrebbe essere menzionato un avvertimento più generale, come i cambiamenti di umore o di personalità, in modo che sia i pazienti che la famiglia conoscano i segnali di pericolo. Aiuterebbe anche ad aggiungere possibili fonti di riferimento qualora ciò si rendesse necessario".

Tutte le categorie: Blog