Sitemap

La medaglia d'oro olimpica racconta come la terapia lo abbia aiutato ad imparare ad accettare la sua depressione e ansia, mettendolo sulla strada giusta per migliorare la sua salute mentale.

Condividi su Pinterest
Non posso aspettarmi di avere tutte le risposte oggi, ma devo anche perdonarmi perché sto ancora imparando e a volte è difficile", afferma Michael Phelps sul suo percorso di salute mentale.Fotografia per gentile concessione di Lee Seidenberg per Talkspace

Ogni giorno, Michael Phelps si allena nella palestra di casa.E l'olimpionico americano più decorato di tutti i tempi lavora quotidianamente anche sulla sua salute mentale.

“Durante la mia carriera, ho avuto un team di persone intorno a me che prestavano attenzione alla mia salute fisica. Se avevo bisogno di diventare più forte, c'erano 10 persone che trovavano modi per farmi diventare più forte. Ma mentalmente non era così",Phelps ha detto a Healthline.

Dopo aver convissuto per anni con depressione, ansia e pensieri suicidi, ha iniziato a dare la priorità a porre uguale enfasi sulla sua salute fisica e mentale.

Nel 2004, dopo aver vinto sei medaglie d'oro e due di bronzo alle Olimpiadi di Atene, Phelps ha detto di aver sentito per la prima volta una "depressione post-olimpica".

“[Tu] lavori così duramente per quattro anni per arrivare a quel punto, e poi è come se fossi... in cima alla montagna, sei tipo cosa diavolo dovrei fare? Dove dovrei andare? Chi sono?" Egli ha detto.

Si è preso una breve pausa, ma è tornato ad allenarsi poco dopo la fine delle Olimpiadi del 2004, gareggiando nelle Olimpiadi del 2008 e del 2012.

"[I] ho in qualche modo compartimentalizzato quei sentimenti e abbastanza sicuro nel tempo, hanno deciso di riapparire ogni volta che volevano fino a quando non sono stato in grado di capire meglio chi sono e come lavoro, perché e come sono", ha detto Phelps.

Tuttavia, la sua spinta all'autoriflessione e alla consapevolezza di sé non si è verificata fino al 2014, quando ha ricevuto il suo secondo DUI.

"Mi sentivo come se non volessi più essere vivo e sentivo per me che stavo causando molto stress e problemi alle altre persone intorno a me, quindi ho pensato che la cosa migliore da fare per me fosse andarmene", ha detto spiegato.

Nel profondo della sua depressione, Phelps rimase nella sua stanza per diversi giorni, riflettendo su cosa fare dopo.

"Ho quindi deciso che era ora di fare un passo per cercare di trovare un percorso diverso, un percorso diverso", ha detto.

Passando alla terapia

Nel 2014, Phelps si è ricoverato in un centro di cura ospedaliero, dove ha trascorso 45 giorni.

“Appena sono uscito, ho continuato la terapia che avevo nel mio centro di cura. Per me, sai, quando ho iniziato è stato un po' strano, un po' spaventoso, qualcosa di nuovo e non sapevo davvero cosa aspettarmi, e immagino che sia stato lì che la vulnerabilità si è intrufolata per la prima volta ".disse Phelps.

Quando ha lasciato la struttura, ha iniziato a sentirsi mentalmente bene.

“Ho iniziato a sentirmi una persona... immagino di potermi amare e amare chi vedevo. Penso che per molto tempo mi sono considerato un nuotatore e non un essere umano, quindi essere in grado di saperne di più su di me, su come lavoravo, perché lavoro in quel modo attraverso il trattamento e spacchettando tutte le stronzate extra che avevo dentro io", ha detto.

Erica Wickett, psicoterapeuta di BetterMynd, ha affermato che l'aiuto professionale è vitale per le persone che lottano con depressione, ansia e pensieri suicidi.

“Spesso, quando incontro clienti alle prese con questi problemi, hanno raggiunto un punto di rottura in cui le loro vite sembrano non avere più senso per loro. Questa sensazione può essere incredibilmente isolante e spesso c'è bisogno di aiuto al di fuori dei loro sistemi di supporto esistenti per aiutarli a dare di nuovo un senso alle cose", ha detto a Healthline.

Gli spazi terapeutici offrono l'opportunità di esplorare in sicurezza i sentimenti in un ambiente compassionevole e potenziante che incoraggia l'autocompassione e la comprensione, ha aggiunto Wickett.

Mentre la terapia ha dato a Phelps una comprensione di se stesso e degli strumenti per far fronte alla sua salute mentale, ha detto che è un viaggio in corso per stare bene mentalmente.

“La mia depressione e la mia ansia non scompariranno mai. Non sarò mai in grado di schioccare le dita e dire "Vattene". Lasciami in pace.' Mi rende. E 'parte di me. Sarà sempre una parte di me", ha detto.

Deborah Serani, PsyD, psicologa e professoressa di psicologia all'Università di Adelphi, ha affermato che gravi condizioni di salute mentale come la depressione e l'ansia non possono essere eliminate o ridotte con cambiamenti casuali nello stile di vita.

“La salute mentale [non] è solo uno stato mentale che si può scegliere. La depressione e l'ansia sono malattie neurobiologiche che richiedono una valutazione professionale, un trattamento mirato e una gestione cronica", ha detto a Healthline.

Phelps ha notato che la gestione della sua salute mentale richiede flessibilità.Ha paragonato il diventare il più forte mentalmente possibile a quello di diventare il miglior nuotatore possibile.

“Durante la mia carriera, non c'era un progetto per vincere otto medaglie d'oro; è stata una specie di prova ed errore che abbiamo dovuto trovare un modo per arrivarci. Quindi, per [la mia salute mentale] … non posso aspettarmi di avere tutte le risposte oggi, ma devo anche perdonarmi perché sto ancora imparando e a volte è difficile”, ha detto. "[Voglio] essere il più perfetto e voglio imparare il più velocemente possibile, ma a volte non è possibile".

Mentre fa affidamento su misure di terapia, esercizio fisico e cura di sé come l'inserimento nel diario per far fronte, accetta che ciò che funziona oggi potrebbe non funzionare domani.

“Imparo costantemente. Sono in costante crescita", ha detto.

Condividi su Pinterest
“La mia depressione e la mia ansia non scompariranno mai. Non sarò mai in grado di schioccare le dita e dire "Vattene". Lasciami in pace.' Mi rende. E 'parte di me. Sarà sempre una parte di me", afferma Phelps sull'apprendimento di come affrontare meglio la sua salute mentale.Fotografia per gentile concessione di Lee Seidenberg per Talkspace

Cancellare lo stigma

In qualità di olimpionico di fama mondiale, Phelps sta portando consapevolezza sulla salute mentale in tutto il mondo.Come maschio, sta anche infrangendo barriere uniche.

“Posso parlare dal punto di vista di un atleta di essere un maschio e un atleta. Se dovessi parlare durante la mia carriera, mi sentirei come un segno di debolezza... e stiamo dando ai nostri concorrenti quel vantaggio, e nello sport o praticamente in battaglia, è come se non potessi dare il tuo concorrenti che sono in vantaggio", ha detto.

Sebbene pensi che lo stigma sia ancora lì, crede che la pandemia abbia contribuito a normalizzare la conversazione.

“Penso che [lo stigma] stia diminuendo un po' e per me è incredibile vederlo. È incredibile vedere le persone parlare del proprio viaggio a modo loro e condividere le proprie storie ".disse Phelps.

Secondo la Kaiser Family Foundation, l'ansia e la depressione sono più che triplicate tra gli americani durante la pandemia.

Poiché gli studi mostrano che l'inizio del COVID-19 e le ricadute della vita durante una pandemia hanno avuto un'inaspettata riduzione dello stigma quando si tratta di malattie mentali, Serani ha affermato che il più grande interesse è che le giovani generazioni di adolescenti stanno guidando lo slancio per ridurre il stigma della malattia mentale.

“Adolescenti e giovani adulti stanno guidando le statistiche nel raggiungere la terapia della salute mentale durante il COVID. Stanno anche parlando di terapia, salute mentale e stigma l'uno con l'altro nelle scuole e ampiamente sui social media", ha detto.

Sebbene questo possa essere un rivestimento d'argento della pandemia, Lauren Amigo, arteterapeuta autorizzata presso BetterMynd, ha affermato che il focus della pandemia è rimasto sulla salute fisica.Ha sottolineato i numerosi volantini, e-mail, interviste alle notizie e articoli su come rimanere fisicamente in buona salute da COVID-19.

“[Ma] non riesco a ricordare nemmeno una minima parte di ciò che si è concentrato sul rimanere mentalmente sano. [Anche se] sono grato che questo abbia innescato una conversazione più ampia sul benessere della salute mentale, credo che si sarebbe potuto fare di più ".Amigo ha detto a Healthline.

Phelps prevede di fare di più.

Attualmente, ha collaborato con Talkspace per lanciare la campagna Permission Slip, che mira a ispirare le persone a darsi un simbolico "permesso per la salute mentale" e ad agire per il proprio benessere mentale.

“Guarda cosa abbiamo passato negli ultimi due, più di due anni. Quando ho guardato per la prima volta [a questa campagna] ho pensato che dovevo concedermi una pausa di più perché mi stresso cercando di fare in modo che tutto fosse il più perfetto possibile e in realtà non è possibile", ha detto. "È così potente vedere qualcosa del genere perché ci dà la possibilità di esprimerci e in modo sicuro".

Da quando Phelps ha collaborato con Talkspace nel 2018, ha affermato che la sua missione principale è stata diffondere la consapevolezza sulla salute mentale e far sapere agli altri che c'è speranza di guarigione.

“Odio vedere il tasso di suicidi aumentare sempre di più. Odio aprire le notizie e vedere qualcuno [morto suicida] … perché so cosa si prova a non voler essere vivi”, ha detto Phelps. "[E] so anche... c'è una luce alla fine del tunnel."

Tutte le categorie: Blog