Sitemap
Condividi su Pinterest
La fatica è uno dei potenziali effetti collaterali dei vaccini contro il COVID-19 Justin Paget/Getty Images
  • I ricercatori riferiscono che gli effetti collaterali sembrano essere più forti dai richiami di COVID-19 rispetto alle dosi iniziali del vaccino.
  • Gli effetti collaterali di gravità inferiore includono affaticamento, gonfiore dei linfonodi e nausea.
  • Gli esperti affermano che gli effetti collaterali potrebbero essere più forti perché il sistema immunitario reagisce più fortemente alle successive dosi di vaccino.

La tua protezione contro il COVID-19 inizia a farlosvaniredopo le dosi iniziali di vaccino, rendendo necessari colpi di richiamo per mantenere l'immunità.

Mentre i richiami del vaccino aiutano a proteggere tutti da malattie gravi, alcune persone potrebbero sperimentare alcuni effetti collaterali simili a sintomi.

Rari effetti collaterali di "bassa gravità" come affaticamento, gonfiore dei linfonodi e nausea sono più comuni dopo aver ricevuto i richiami del vaccino COVID-19 rispetto a dosi regolari, secondo unnuovo studiopubblicato su JAMA Network Open.

Gli effetti collaterali rari e di gravità inferiore riportati nello studio includono:

  • Fatica
  • Gonfiore dei linfonodi
  • Nausea
  • Male alla testa
  • Dolori articolari e muscolari
  • Diarrea
  • Febbre
  • Vomito
  • Brividi

Perché ci sono effetti collaterali

A febbraio, i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno modificato le sue linee guida sugli intervalli tra le due dosi iniziali di iniezioni di COVID-19.

Ha ampliato l'intervallo a 8 settimane per i vaccini Pfizer e Moderna per la maggior parte delle persone di età pari o superiore a 12 anni.Un intervallo più breve da 3 a 4 settimane è ancora raccomandato per le persone immunocompromesse moderatamente o gravemente così come per gli adulti di età pari o superiore a 65 anni.Le persone che vivono in comunità con alti livelli di casi di COVID-19 sono anche invitate a considerare il periodo di tempo più breve

Dott.Michael Daignault, il consulente medico capo di Reliant Health Services, ha dichiarato a Healthline che la nuova raccomandazione del CDC corrisponde a ciò che i medici hanno sostenuto e a ciò che il Canada e i paesi dell'Unione Europea riconoscono già che l'intervallo tra le dosi è la strategia ottimale per garantire un risposta immunitaria duratura contro COVID-19.

Il CDCconsigliaottenere un'iniezione di richiamo 5 mesi dopo aver completato la serie di vaccinazioni primarie.L'agenzia afferma che un secondo richiamo può essere somministrato 4 mesi dopo il richiamo iniziale per coloro che sono idonei.

Dott.Erika Schwartz, autrice e fondatrice di Evolved Science, osserva che i sintomi dopo un richiamo sono simili ai sintomi del COVID-19 stesso.Questo perché il nostro sistema immunitario sta cercando di costruire un'immunità contro il COVID-19.

"Le reazioni del sistema immunitario di solito sono segni che il nostro sistema immunitario sta combattendo un'infezione, sia dalla malattia reale che [come reazione a] un vaccino",Schwartz ha detto a Healthline.

Daignault chiarisce che gli effetti collaterali dopo la vaccinazione non sono correlati a una risposta immunitaria più forte, "così come l'assenza di effetti collaterali non indica una scarsa risposta immunogenica".

Gli effetti collaterali sembrano aumentare man mano che vengono utilizzati più booster.Ciò potrebbe essere dovuto al fatto che il sistema immunitario individuale reagisce più fortemente a ogni nuovo colpo, ha spiegato Schwartz.

Tuttavia, i vaccini COVID-19 sono stati somministrati per meno di due anni, quindi gli scienziati li stanno ancora imparando.

"Questo è un tipo di vaccino molto nuovo e i dati non sono estesi o abbastanza lunghi per spiegare cosa sta succedendo", ha osservato.

Pratiche sicure

Mentre la mortalità per COVID-19 negli Stati Uniti è di circa l'1%, il CDC raccomanda ancora i booster e probabilmente continuerà a farlo nel prossimo futuro, ha affermato Schwartz.

"Le agenzie governative coinvolte temono le mutazioni del virus che potrebbero essere più pericolose, anche se storicamente virus come il COVID mutano in variazioni sempre meno pericolose con il passare del tempo", ha aggiunto.

Schwartz ha affermato che, nonostante le vaccinazioni e altre misure di prevenzione, rimangono le migliori armi contro COVID-19.

Ciò significa stare a casa se sei malato, seguire una dieta sana e dormire e fare esercizio a sufficienza, oltre a discutere il tuo rapporto rischio-beneficio personale con un medico, ha detto.

Tutte le categorie: Blog