Sitemap

Navigazione veloce

Le donne sottoposte a procedure di fecondazione in vitro (fecondazione in vitro) spesso si sentono meno soddisfatte sessualmente e le loro relazioni sessuali con i partner possono soffrire a causa dello stress dei trattamenti e di altri fattori, secondo i ricercatori dell'Università dell'Indiana.

Fino ad ora, non è stata data molta attenzione a queste coppie mentre cercano di superare il processo emotivamente e fisicamente faticoso della fecondazione in vitro, anche se il sesso è una parte importante dell'obiettivo di concepimento di una coppia di concepire un bambino.

La fecondazione in vitro è un processo che prevede il prelievo di uova mature dalle ovaie di una femmina, che vengono quindi fecondate in laboratorio dallo sperma, il che si traduce nella produzione di embrioni che vengono poi impiantati nell'utero di una donna.Sono spesso usati dopo che le coppie hanno già provato altre tecniche meno pericolose.Molte coppie che usano la fecondazione in vitro hanno cercato di rimanere incinta per anni.La fecondazione in vitro è diventata estremamente popolare e circa 5 milioni di bambini sono nati grazie alle tecnologie di riproduzione assistita.

Nicole Smith, una studentessa di dottorato presso il Center for Sexual Health Promotion presso la IU School of Public Health-Bloomington che ha condotto lo studio con Jody Lyneé Madeira, professore associato presso la IU Maurer School of Law, ha dichiarato:

“Il sesso è per il piacere e per la riproduzione, ma l'attenzione al piacere spesso va in secondo piano per le persone che lottano per concepire. Con le tecnologie di riproduzione assistita (ART), le coppie spesso riferiscono di sentirsi come un esperimento scientifico, poiché gli ormoni vengono somministrati e il sesso deve essere pianificato e orari. Può diventare stressante ed è spesso molto poco romantico e irreggimentato; è noto che le relazioni soffrono durante il processo.

Gli ormoni delle donne cambiano drasticamente durante i trattamenti di fecondazione in vitro, il che potrebbe essere una ragione per il loro cambiamento nei desideri sessuali.Uno studio recente ha affermato che i sentimenti delle donne nei confronti delle relazioni sessuali cambiano durante i diversi periodi del ciclo mestruale, probabilmente a causa dei loro ormoni.

Il nuovo studio, che ha utilizzato il questionario sul funzionamento sessuale, è il primo negli Stati Uniti ad analizzare le esperienze sessuali delle donne e la salute sessuale delle coppie sottoposte a trattamenti di riproduzione assistita.

Le donne che stavano subendo la fecondazione in vitro avevano meno desiderio di fare sesso e non erano soddisfatte nelle loro relazioni come le donne che non erano sottoposte a trattamenti di fecondazione in vitro.Le femmine che hanno preso parte alla fecondazione in vitro avevano anche meno probabilità di raggiungere l'orgasmo e hanno riportato più casi di dolore vaginale e secchezza.Man mano che i trattamenti continuavano, aumentavano i problemi negativi che le coppie o le donne stavano vivendo.

Gli autori osservano che quando le coppie che partecipano a trattamenti di fecondazione in vitro si incontrano con i loro medici, il sesso probabilmente non è l'argomento principale nelle loro menti, perché sono concentrate su questioni più importanti o non si sentono a proprio agio nel parlare di sesso.

Tuttavia, Madeira e Smith affermano che il rapporto medico-paziente è fondamentale e che le persone coinvolte nei processi di fecondazione in vitro dovrebbero essere informate fin dall'inizio dei loro rischi di effetti collaterali sessuali e dei metodi per migliorarli.Ad esempio, se le donne soffrono di secchezza sessuale, possono ricevere raccomandazioni sui tipi di lubrificante.Gli endocrinologi della riproduzione possono anche consigliare alle coppie di cercare una consulenza sulla salute mentale e consigliare loro quali terapisti sessuali potrebbero essere i migliori per quella particolare coppia.

Madeira ha continuato: "C'è solo una scarsa conoscenza di come l'infertilità influenzi il comportamento sessuale. È più probabile che l'attenzione si concentri sulle dimensioni sociali e di supporto della relazione, ma il sesso è una parte importante di questo. Sarebbe utile solo far sapere ai pazienti che non sono soli in questo”.

Gli autori affermano che se fossero disponibili maggiori informazioni sugli ostacoli sessuali, le coppie probabilmente le cercherebbero da sole.

“Le donne interessate all'ART sono generalmente ben istruite e tendono a dedicare tempo alla ricerca di questi problemi. Sarebbero molto reattivi a queste informazioni e proattivi", ha affermato Madeira.

Durante lo studio, 270 donne hanno compilato un sondaggio online e sono stati intervistati 127 uomini e donne che hanno utilizzato la fecondazione in vitro per avere un bambino, oltre a 70 diversi infermieri, medici e professionisti della salute mentale.

Nove donne coinvolte nello studio hanno subito 5 cicli di fecondazione in vitro, che richiedono circa un anno per essere completati.Le donne che hanno affermato di essersi impegnate in attività sessuale nell'ultimo mese avevano maggiori probabilità di masturbarsi e avevano meno problemi sessuali.

La funzione sessuale tra le donne era la stessa indipendentemente dal fatto che stessero ricevendo la fecondazione in vitro per la femmina, il maschio o entrambi.Secondo il rapporto, la terapia ormonale utilizzata nell'ART probabilmente ha un impatto sul dolore e sull'attività sessuale delle donne, ma non si sa molto su questi argomenti perché non sono importanti quanto altri problemi di salute, come il cancro o il diabete.

Scritto da Christine Kearney

Tutte le categorie: Blog