Sitemap
Condividi su Pinterest
Frutta e verdura biologica contengono una popolazione diversificata di batteri "buoni" che possono promuovere un intestino più sano.Getty Images
  • I ricercatori hanno scoperto che le mele biologiche hanno una popolazione di batteri significativamente più diversificata che è migliore per la salute dell'intestino rispetto alle loro controparti coltivate convenzionalmente.
  • Le mele biologiche contenevano anche i batteri "buoni" Lactobacillus, un comune probiotico sano.
  • Gli alimenti biologici possono offrire alcuni benefici per la salute, ma sono anche più costosi.
  • Gli esperti concordano sul fatto che la maggior parte delle persone ha bisogno di aumentare la quantità di frutta e verdura fresca nella propria dieta, indipendentemente da come vengono coltivate.

Quando si scelgono prodotti biologici o convenzionali, non c'è paragone semplice, anche se si tratta di mele con mele.

Tuttavia, in un nuovo studio pubblicato sulla rivista Frontiers in Microbiology, i ricercatori hanno scoperto che, confrontando le mele coltivate in modo convenzionale con le loro controparti biologiche, le mele biologiche ospitavano una popolazione di batteri significativamente più diversificata.

Le mele convenzionali e le mele biologiche contenevano entrambe circa la stessa quantità di batteri totali, circa 100 milioni per mela.Ma questo è solo se mangi tutto: stelo, semi e tutto il resto.

Il metodo di produzione determinava i tipi e la varietà delle colonie batteriche.

E questo può significare cose buone per la salute dell'intestino.

Frutta e verdura biologica cruda possono essere migliori per il tuo intestino

"Ortaggi e frutta, soprattutto se consumati crudi, rappresentano la fonte più importante per una comunità microbica diversificata, che è obbligatoria per un microbioma intestinale sano e per il nostro sistema immunitario", ha affermato Birgit Wassermann, studentessa di dottorato presso l'Università di tecnologia di Graz in Austria , e primo autore dello studio.

Wassermann e i suoi colleghi ricercatori hanno scelto di guardare alle mele a causa della loro immensa popolarità in tutto il mondo.

Nel 2018 sono state coltivate circa 83 milioni di mele e la produzione continua a crescere.Frutta e verdura cruda sono un'importante fonte di batteri intestinali: la cottura tende a uccidere tutti i batteri.

Nel confronto tra mele biologiche e convenzionali, non solo i batteri erano più diversificati nella produzione biologica, ma era anche associato alla presenza dei cosiddetti batteri “buoni” Lactobacillus, un comune probiotico.

Al contrario, le mele convenzionali avevano più probabilità di avere batteri potenzialmente patogeni come Escherichia e Shigella, noti per causare sintomi di intossicazione alimentare come diarrea e crampi.

"Il microbioma altamente diversificato delle mele gestite biologicamente potrebbe limitare o ostacolare l'abbondanza di agenti patogeni umani, semplicemente superandoli", ha affermato Wassermann. "Probabilmente, il pool microbico a cui sono esposti i meli biologici è più diversificato e più equilibrato e potenzialmente supporta la pianta anche nella resistenza durante l'attacco dei patogeni".

Quando si tratta di salute dell'intestino, tuttavia, Wassermann ha spiegato che non è così semplice come scegliere mele biologiche rispetto a quelle convenzionali.

Un'inferenza così semplice non può essere tratta solo dal suo lavoro.Invece, sottolinea che diverse popolazioni di batteri, che si trovano in natura, nelle mele o nell'intestino umano, tendono ad essere più benefiche indipendentemente dall'ambiente in cui si trovano.

E per la maggior parte delle persone, mangiare semplicemente più frutta e verdura fresca è un primo passo più importante della discriminazione tra le mele.

“Biologico o convenzionale? Abbastanza irrilevante. La cosa principale è che le persone mangiano più prodotti freschi in generale", ha affermato Wassermann.

Concentrandosi sui batteri e, per estensione, sulla salute dell'intestino, la ricerca aggiunge un altro obiettivo attraverso il quale visualizzare il dibattito in corso per i consumatori su come scelgono di acquistare i prodotti.

E il dibattito organico contro convenzionale è tutt'altro che risolto.

Ma poiché le domande sui vantaggi di entrambi i metodi sono diventate più sfumate - non è così semplice dire che uno è "migliore" dell'altro - i consumatori ora sono più consapevoli di ciò che vogliono dai loro prodotti.

Il dibattito sulla frutta e verdura biologica e convenzionale si è concentrato principalmente su quattro aspetti: nutrizione, impatto ambientale, costi per i consumatori e pesticidi.

A seconda dell'importanza di questi fattori per te, dovresti informare la tua scelta di acquisto piuttosto che scegliere rigorosamente uno rispetto all'altro.

Cosa significano anche "biologico" e "convenzionale"?

Organic è un'etichetta conferita dal Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) agli alimenti coltivati ​​secondo determinate linee guida federali.Queste linee guida includono cose come quali tipi di pesticidi possono essere utilizzati, additivi per il suolo e come vengono allevati gli animali.

Convenzionale si riferisce all'agricoltura industriale moderna che include l'uso di fertilizzanti chimici, pesticidi e organismi geneticamente modificati.

Alcuni studihanno scoperto che i prodotti biologici probabilmente non sono più nutrienti di quelli convenzionali, ma ridurranno l'esposizione a pesticidi e batteri nocivi.

Tuttavia, questo non vuol dire che i prodotti biologici siano completamente privi di pesticidi, non lo è.

La tua scelta dovrebbe anche essere influenzata da altri fattori di salute, come la gravidanza o altre condizioni croniche.

Gli studi negli ultimi anni hanno esaminato la prevalenza dell'esposizione ai pesticidi tra le donne in gravidanza attraverso i prodotti agricoli, nonché ilpotenziale pesticida prenataleesposizione a portare a disabilità intellettiva e disturbo dello spettro autistico.

Per la maggior parte dei consumatori, un punto di partenza pratico è identificare quali frutta e verdura sono più inclini all'esposizione a quantità elevate o diverse varietà di pesticidi.

L'Environmental Working Group (EWG), un gruppo di difesa dell'ambiente e dei consumatori, pubblica annualmente l'elenco dei Dirty Dozen, che sono i prodotti ortofrutticoli con i più alti tassi di contaminazione da pesticidi, e Clean Fifteen, che sono quelli con i tassi più bassi .

I peggiori trasgressori del 2019 includono:

  • fragole (arrivando al numero 1)
  • spinaci
  • cavolo
  • nettarine
  • mele

Per i prodotti con la minor esposizione ai pesticidi, raggiungere:

  • avocado
  • mais dolce
  • ananas
  • piselli dolci surgelati
  • cipolle

"Di solito seguo le designazioni EWG Dirty Dozen e Clean Fifteen", ha affermato Kristin Kirkpatrick, MS, RD, LD, manager dei servizi di nutrizione del benessere presso il Cleveland Clinic Wellness Institute.

“Ci sono anche alcune cose che consiglio sempre di acquistare bio, comelatticinie fragole, così come cibi che di solito dico ai miei clienti di saltare il costo e andare con quelli convenzionali, come i prodotti con uno strato esterno significativo come ananas o banane", ha detto.

Gli alimenti biologici possono offrire alcuni benefici per la salute, ma costeranno anche di più, e questa è una considerazione importante per la maggior parte delle famiglie.

Uno studio del 2015 di Consumer Reports ha rilevato che le mele biologiche erano dal 20 al 60% più costose rispetto alle loro controparti convenzionali.Il latte era similmente dal 20 al 64 percento e per cose come fragole e zucchine biologiche, i consumatori potevano finire per pagare il doppio.

In breve, scegliere come e perché raccogliere prodotti convenzionali o biologici è un serio atto di equilibrio.Ma una cosa è certa: dovresti mangiare più frutta e verdura, non importa come vengono coltivate.

“La cosa più importante che dico ai miei pazienti è questa: aumentare il consumo di frutta e verdura è molto più importante del biologico rispetto al non biologico. Se scegli di non mangiare frutta e verdura perché non puoi permetterti il ​​biologico, è la scelta sbagliata. Qualsiasi frutta e verdura è meglio di niente", ha detto Kirkpatrick.

Tutte le categorie: Blog