Sitemap
  • L'inquinamento atmosferico da particolato e ozono continua ad avere un impatto sulle comunità in tutti gli Stati Uniti, con alcuni più pesantemente gravati.
  • Un nuovo rapporto dell'American Lung Association rileva che l'inquinamento atmosferico sta diventando sempre più un problema per le persone negli Stati Uniti
  • Le emissioni legate ai combustibili fossili sono diminuite negli Stati Uniti, ma il cambiamento climatico ha portato a un peggioramento della qualità dell'aria.

Più del 40 per cento degli americani vive in luoghi con livelli malsani di inquinamento da particelle o ozono, secondo un rapporto annuale pubblicato oggi dall'American Lung Association (ALA).

Il rapporto "State of the Air" dell'organizzazione per il 2022 mostra anche che l'inquinamento atmosferico sta diventando sempre più problematico per molti americani.

Oltre due milioni di persone in più respiravano aria malsana nella loro comunità rispetto al rapporto dello scorso anno.

Inoltre, durante i tre anni coperti dall'ultimo rapporto, gli americani hanno vissuto più giorni di qualità dell'aria "molto malsana" e "pericolosa" rispetto al passato durante i due decenni di storia del rapporto.

"Il fatto che vediamo un aumento del numero di americani colpiti dall'inquinamento da particolato rispetto allo scorso anno dimostra davvero che la qualità dell'aria rimane una preoccupazione importante per il pubblico", ha affermato il dott.Meredith McCormack, portavoce nazionale dell'ALA e medico polmonare e di terapia intensiva presso la Johns Hopkins University di Baltimora.

Il cambiamento climatico annulla i guadagni in altre aree

Il rapporto di quest'anno include dati dal 2018 al 2020.Si concentra su due dei tipi più comuni di inquinamento atmosferico: l'inquinamento da particelle fini (sia a breve che tutto l'anno) e l'inquinamento da ozono.

L'American Lung Association ha prodotto questi rapporti dal 2000.Ci sono stati miglioramenti in alcuni tipi di inquinamento durante questo periodo, guidati in parte dal Clean Air Act.

Le emissioni dei trasporti, delle centrali elettriche e della produzione sono diminuite negli ultimi anni, secondo gli autori del rapporto.

Tuttavia, hanno scritto che alcuni di questi guadagni sono stati compensati dall'aumento dell'inquinamento legato al cambiamento climatico.Ciò include picchi di inquinamento da particelle e più giorni con livelli di ozono elevati a causa di incendi e calore estremo.

La ricerca mostra che il cambiamento climatico ha già portato a una stagione degli incendi più lunga, a un numero maggiore di incendi a stagione e a una maggiore area bruciata.

Inoltre, l'impatto degli incendi sulla qualità dell'aria non è solo locale.

Un recentestudioda ricercatori del National Center for Atmospheric Research (NCAR) di Boulder, in Colorado, hanno scoperto che gli incendi nel Pacifico nord-occidentale hanno un impatto anche sulla qualità dell'aria nelle aree centrali e nord-orientali del paese.

"Alcuni dei livelli di inquinamento atmosferico documentati in questo rapporto sono causati dagli episodi di fumo di incendi che abbiamo sperimentato in tutto l'Occidente", ha affermato Susan Anenberg, PhD, direttrice del GW Climate and Health Institute di Washington, DC, che è stata non coinvolti nella ricerca NCAR.

Tuttavia, "questi eventi di fumo a macchia d'olio non influenzano solo l'Occidente", ha aggiunto. "Hanno anche effetti sui livelli di [particelle fini] in tutto il paese".

Ha affermato che i cambiamenti climatici continueranno a degradare la qualità dell'aria in tutto il paese, spinti dall'aumento degli incendi, dall'aridità nel sud-ovest e dalla formazione di ozono, a meno che non vengano messi in atto controlli sulle emissioni di inquinanti atmosferici e gas serra.

Mentre alcune comunità hanno ottenuto buoni punteggi sulla qualità dell'aria, molte sono gravate da livelli più elevati di inquinamento da particelle o ozono.

"C'è molta variabilità nella qualità dell'aria [in tutti gli Stati Uniti]", ha detto McCormack, "e dove vivi conta".

Delle 96 contee in 15 stati con voti negativi per le particelle a breve termine, 86 di loro si trovavano in 11 stati a ovest delle Montagne Rocciose, secondo il rapporto.

Una tendenza simile è stata osservata per l'inquinamento da particolato annuale.Delle 21 contee con un punteggio negativo per questo tipo di inquinamento atmosferico, tutte si trovavano in cinque stati occidentali.

Inoltre, secondo il rapporto, le persone di colore avevano il 61% in più di probabilità rispetto ai bianchi di vivere in una contea con un voto negativo per almeno un inquinante.

Avevano anche più del triplo delle probabilità di vivere in una contea con un voto negativo per tutti e tre i tipi di inquinamento atmosferico.

Alcune comunità più gravate dall'inquinamento atmosferico

Altre ricerche hanno riscontrato disparità razziali ed etniche simili con l'inquinamento atmosferico.

Uno studio pubblicato il 7 aprile aSostenibilità della natura, hanno scoperto che durante gli ordini di soggiorno a casa COVID-19 in California nel 2020, i quartieri con un'elevata popolazione asiatica e ispanica hanno registrato un calo maggiore dell'inquinamento atmosferico rispetto ai quartieri con una popolazione bianca più numerosa.

L'autore dello studio Pascal Polonik, uno studente di dottorato presso la Scripps Institution of Oceanography dell'UC San Diego, ha affermato che sebbene questo possa sembrare positivo, suggerisce che queste comunità sono generalmente più colpite dall'inquinamento.

"Durante i periodi normali in cui non c'è arresto, quelle emissioni - le emissioni che sono andate via durante l'arresto - stanno effettivamente avendo un onere sproporzionato per quelle comunità", ha affermato.

Inoltre, lo studio ha mostrato che le comunità con una popolazione nera più alta non hanno visto un calo simile dei livelli di inquinamento atmosferico durante l'arresto.

"Questo non significa che i neri sperimentino meno inquinamento atmosferico", ha detto Polonik.Ma "quelle comunità potrebbero essere maggiormente colpite da alcune fonti fisse che hanno meno probabilità di cambiare durante la chiusura", come centrali elettriche, fabbriche e generatori di elettricità.

Anenberg ha affermato che il rapporto ALA e altre ricerche "fa davvero luce sul fatto che mentre la qualità dell'aria è migliorata in media negli Stati Uniti da molto tempo, vediamo ancora questi oneri sproporzionati che vengono sperimentati da alcuni sottogruppi di popolazione".

McCormack ha affermato che le persone esposte a livelli più elevati di inquinamento atmosferico vicino alle loro case potrebbero anche essere esposte a livelli più elevati al lavoro, a scuola o in viaggio.

Inoltre il dott.Afif El-Hasan, portavoce nazionale dell'ALA e pediatra di Kaiser Permanente, in California, ha affermato che le comunità fortemente colpite dall'inquinamento atmosferico potrebbero dover affrontare altre disparità di salute.

Potrebbero avere meno accesso all'assistenza sanitaria.Potrebbero aver bisogno di andare al lavoro in bicicletta oa piedi, il che li espone a un maggiore inquinamento atmosferico durante i loro spostamenti.

Oppure potrebbero non avere accesso all'aria condizionata, il che significa tenere le finestre aperte durante le ondate di caldo, quando i livelli di inquinamento atmosferico potrebbero essere più elevati.

"La mancanza di risorse e la vita in aree con maggiori quantità di inquinamento provoca un effetto a catena sulla quantità di inquinamento a cui le persone sono esposte", ha affermato El-Hasan. “Perché non è solo quello che c'è nell'aria fuori. Ha anche a che fare con la tua situazione socioeconomica”.

L'inquinamento atmosferico colpisce più dei polmoni

L'inquinamento da particelle si riferisce a minuscoli frammenti di solidi e liquidi nell'aria.Questo tipo di inquinamento proviene da fabbriche, centrali elettriche, veicoli a benzina, stufe e caminetti a legna e incendi.

Si va da particelle grossolane - come polline, polvere e cenere - a particelle fini e ultrafini.

Mentre il naso e i polmoni possono intrappolare le particelle più grandi nell'aria che respiriamo, le particelle più piccole possono raggiungere le parti più profonde dei polmoni.

Alcune particelle ultrafini possono persino passare nel flusso sanguigno e viaggiare in diverse parti del corpo, dove possono colpire altri organi.

L'inquinamento da particelle può causare malattie, ospedalizzazione e morti premature.Si stima che circa 48.000 americani muoiano ogni anno a causa dell'inquinamento da particelle fini, secondo il rapporto ALA.

La maggior parte di questi decessi è dovuta a cause respiratorie e cardiovascolari, come attacchi di cuore, ictus e attacchi d'asma.

L'esposizione a breve termine all'inquinamento da particelle fini è stata anche collegata a una maggiore possibilità di avere arisultato positivo al test COVID-19.

I ricercatori pensano che l'inquinamento atmosferico possa peggiorare la gravità dei sintomi piuttosto che aumentare il rischio di infezione, anche se affermano che sono necessarie ulteriori ricerche.

"Questo [tipo di relazione] era anche il caso di altri virus in precedenza", ha affermato El-Hasan. "È solo più pronunciato ora perché abbiamo a che fare con una pandemia".

L'altro tipo di inquinamento incluso nel rapporto ALA è l'inquinamento atmosferico da ozono, noto anche come smog.Ciò può influire sulla salute causando infiammazioni e altri danni ai polmoni.Nel tempo, questo può compromettere la funzione polmonare e aumentare il rischio di morte prematura.

L'ozono si forma nella bassa atmosfera quando altri inquinanti - solitamente ossidi di azoto (NOx) e composti organici volatili (VOC) - reagiscono chimicamente alla luce solare.

Questi altri inquinanti sono emessi da veicoli a motore, centrali elettriche, fabbriche, vernici, prodotti di consumo e altre fonti.

Sensibilizzazione sui pericoli dell'inquinamento atmosferico

In qualità di pediatra, El-Hasan è particolarmente preoccupato per l'impatto dell'inquinamento atmosferico sui bambini.

“Tutti noi abbiamo diritto all'aria pulita. Ma poiché i polmoni dei bambini stanno crescendo, l'inquinamento atmosferico riduce effettivamente lo sviluppo dei polmoni", ha affermato El-Hasan. "Quindi un adulto che cresce nell'inquinamento ha una capacità polmonare inferiore rispetto a un adulto che è cresciuto nell'aria pulita".

Questo tipo di impatto sarà più grave nelle comunità che sono costantemente esposte all'inquinamento atmosferico.

L'esposizione a lungo termine è stata collegata a problemi di salute come basso peso alla nascita nei bambini, aumento del rischio di mortalità fetale e infantile, sviluppo polmonare alterato nei bambini e cancro ai polmoni.

"Quando si verifica una situazione in cui la stessa contea o gli stessi quartieri sperimentano livelli di inquinamento atmosferico più elevati anno dopo anno, quelle persone sono esposte a livelli di inquinamento continuamente più elevati", ha affermato Anenberg. “Ciò ha davvero conseguenze molto gravi per la salute pubblica”.

McCormack ha affermato che uno degli obiettivi del rapporto "State of the Air" è aumentare la consapevolezza sull'inquinamento atmosferico.Le persone possono persino visitare il sito Web di ALA e scoprire come sta andando la loro comunità.

O come stanno andando le altre comunità.

"È anche uno strumento che dimostra davvero che, anche se le cose vanno bene nella tua comunità, potrebbero non andare bene in altre aree", ha affermato McCormack. "Nel complesso, dobbiamo assicurarci che tutti abbiano accesso all'aria pulita".

Oltre a educare il pubblico, Anenberg ha affermato di sperare che il rapporto raggiunga i responsabili delle decisioni, che hanno il potere di apportare modifiche sistemiche per ridurre le emissioni che guidano l'inquinamento atmosferico e il cambiamento climatico.

"Dobbiamo davvero mettere in atto politiche per allontanarci dalla combustione di combustibili fossili e ridurre le emissioni", ha affermato. “Questo ci sposterà verso la protezione della salute pubblica”.

Tutte le categorie: Blog