Sitemap
  • La pandemia di COVID-19 è ancora in corso a distanza di due anni dal suo inizio.
  • Negli Stati Uniti, i decessi per malattia sono stati relativamente alti in altri paesi simili.
  • Circa un americano su 330 è morto per COVID-19.

Un milione di americani sono morti dall'inizio della pandemia, secondo ilCentri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC).

Si stima che circa 9 milioni di americani abbiano perso un parente a causa del COVID.

Secondoarchivi CDC, circa 675.000 persone morirono durante la pandemia influenzale del 1918, molte delle quali erano persone giovani e sane.

La pandemia di COVID, d'altra parte, ha avuto un impatto sproporzionato sugli anziani, sugli individui immunocompromessi e su quelli con condizioni di salute di base come diabete, malattie cardiache e obesità.

I dati suggeriscono che gli ispanici e i neri avevano il doppio delle probabilità di morire per COVID e gli uomini correvano un rischio maggiore rispetto alle donne.

Le persone che rimangono non vaccinate hanno anche maggiori probabilità di morire per COVID rispetto alle persone vaccinate.La ricerca suggerisce che almeno il 25% dei decessi correlati al COVID avrebbe potuto essere evitato se tutti fossero stati vaccinati.

Un milione di morti è una triste pietra miliare, affermano gli epidemiologi.

“Un milione è un numero significativo; in un anno tipico prima del COVID, negli Stati Uniti si sarebbero verificati circa tre milioni di morti. Avere un milione di morti per COVID in aggiunta a sei milioni di altri decessi è un enorme fardello di mortalità ".Andrew Noymer, PhD, epidemiologo e demografo dell'Università della California Irvine che studia le malattie infettive, ha detto a Healthline.

Quanti altri decessi ci saranno nel 2022?

Sebbene sia difficile da prevedere, Noymer sospetta che il bilancio delle vittime di COVID negli Stati Uniti aumenterà di circa 100.00 quest'anno.In modo che il pedaggio cumulativo sia di almeno 1.100.000 entro la fine del 2022.

"Questo è più un piano che una previsione, e l'altezza del tetto dipenderà da molti fattori, nessuno più importante della capacità delle varianti attuali e nuove di causare la morte negli individui vaccinati",ha detto Noymer.

Noymer prevede che il COVID possa sempre causare più morti e malattie gravi rispetto all'influenza stagionale.

COVID e l'influenza sono malattie nettamente diverse.Anche se il COVID alla fine diventa stagionale come l'influenza, potrebbe comunque avere un tasso di mortalità più elevato.

"In termini di mortalità, l'influenza uccide 60.000 americani in un anno, e questo è un brutto anno. Il COVID ha dimostrato la capacità di uccidere 500.000 persone in un periodo di 12 mesi, e lo ha fatto due volte dalla sua comparsa nel 2020”,ha detto Noymer.

Il COVID-19 è diventato più contagioso

Pia MacDonald, PhD, MPH, epidemiologa di malattie infettive presso RTI International, afferma che il virus si è evoluto per diventare più contagioso.

Le persone infette trasmettono il virus a più persone rispetto alle varianti precedenti, il che consente al virus di spostarsi più rapidamente attraverso le popolazioni suscettibili.

Inoltre, SARS-CoV-2 è nuovo di zecca per il nostro sistema immunitario, mentre l'influenza circola da almeno 100 anni.

"In questo, è così nuovo e così contagioso, possiamo aspettarci che ci saranno più casi di influenza nei prossimi anni",disse MacDonald.

Possiamo anche aspettarci che emergano più varianti poiché circa il 60% della popolazione globale è vaccinata, ha aggiunto MacDonald.Anche l'immunità da infezioni e vaccinazioni precedenti sembra diminuire nel tempo.

Il nostro sistema sanitario sta migliorando nel trattamento del COVID e nella prevenzione dei decessi con nuove terapie, ma alcune persone rimangono vulnerabili a malattie gravi e alla morte, anche se vaccinate e potenziate, afferma MacDonald.

"Non siamo ancora del tutto esperti nel limitare i focolai in contesti in cui gli anziani vivono in ambienti congregati, case di cura o carceri",disse MacDonald.

Quando diminuiranno i decessi per COVID?

Noymer prevede che la mortalità e i ricoveri per COVID-19 diminuiranno con l'aumento dell'immunità della popolazione.

La vaccinazione COVID-19 non previene l'infezione e la trasmissione, ma fornisce una forte protezione contro il ricovero e la morte.

Una statistica del CDC ha mostrato che il 40% dei decessi recenti correlati al COVID erano tra le persone vaccinate, il che ha sorpreso molti, ma gli epidemiologi affermano che ciò sarebbe dovuto accadere man mano che più persone venivano vaccinate.

“Semplicemente ci sono molti più adulti vaccinati che non vaccinati, quindi anche se la possibilità che muoiano per infezione è molto più bassa, il fatto che il numero di persone vaccinate sia più alto significa che anche se la percentuale di loro che muoiono per COVID è basso, rappresentano un numero maggiore di decessi rispetto a quando poche persone erano state vaccinate", afferma Jason Gallagher, PharmD, esperto di malattie infettive e specialista in farmacia clinica in malattie infettive presso il Temple University Hospital.

Daniel Larremore, PhD, un biologo computazionale presso l'Università del Colorado Boulder che utilizza la modellazione matematica per studiare le tendenze COVID-19, afferma che ci sono due fatti che possono aiutare le persone a capire perché quel numero non è allarmante.

“Il primo fatto è che il 33% della popolazione non è vaccinato, ma il 60% dei decessi recenti non è stato vaccinato. In altre parole, essere non vaccinati aumenta chiaramente il rischio di morte”,disse Larremore.

"Il secondo fatto è che i più vulnerabili tra noi (i nostri anziani) hanno anche maggiori probabilità di essere vaccinati (tasso di vaccinazione del 91% tra i 65+), quindi quando la protezione e la vulnerabilità coincidono nella stessa popolazione, si gonfia il tasso di vaccinazione tra coloro che sono morti”,Larremore ha aggiunto.

Noymer prevede che il COVID-19 diventi stagionale nel tempo, ma non è chiaro quanto tempo ci vorrà perché la mortalità del COVID non solo diminuisca, ma rimanga bassa.

Stiamo ancora assistendo a ondate durante tutto l'anno guidate da nuove varianti.

"In quanto tale, la mia previsione per i prossimi 12-24 mesi è più in calo di ricoveri e decessi, invece di un costante declino",ha detto Noymer.

La linea di fondo:

Un milione di americani sono morti dall'inizio della pandemia e circa 9 milioni di americani hanno perso un membro della famiglia a causa del COVID.Gli esperti di salute pubblica prevedono che 1,1 milioni di persone potrebbero morire entro la fine del 2022, ma ciò dipenderà in gran parte dal comportamento delle nuove varianti e dalla durata della nostra immunità contro il COVID.

Tutte le categorie: Blog