Sitemap

Navigazione veloce

Consumare troppo sale può causare una serie di problemi di salute, inclusi ipertensione e problemi di colesterolo.Solitamente sono gli alimenti più comuni che contengono un'enorme quantità di sodio, non solo gli alimenti che consideriamo "cattivi".L'American Heart Association (AHA) ha recentemente pubblicato un elenco di 6 cibi salati di cui essere a conoscenza.

Uno studio pubblicato a febbraio ha affermato che la maggior parte degli adulti statunitensi consuma troppo sodio.

I "Salty Six", come li chiama l'American Heart Association, sono alimenti quotidiani estremamente comuni di cui le persone non si rendono conto sono ricchi di un'elevata quantità di sodio, il che aumenta gravemente il rischio di una persona di sviluppare un ictus o problemi cardiaci.Ora, l'AHA sta rivelando semplici modi per ridurre il consumo di sale, anche in movimento.Durante lo shopping, i consumatori possono cercare il segno di spunta del cuore per sapere quali alimenti sono stati approvati dall'AHA come aventi una buona quantità di sodio.

Negli Stati Uniti, il consumo di sale è un grosso problema.Un nuovo studio di AHA e ASA ha rivelato che l'americano medio ha un livello di assunzione giornaliera di sale di circa 3.400 milligrammi, mentre la quantità raccomandata è di 1.500 milligrammi.Ciò è dovuto principalmente agli alimenti trasformati e di ristorazione che rappresentano il 75% del nostro consumo di sale.

Linda Van Horn, Ph.D., RD, nutrizionista ricercatrice presso la Northwestern University e volontaria per l'American Heart Association/American Stroke Association, ha dichiarato:

wow "L'eccesso di sodio nelle nostre diete ha meno a che fare con ciò che stiamo aggiungendo al nostro cibo e più con ciò che è già nel cibo. L'individuo medio riceve più del doppio della quantità di sodio di cui ha bisogno, ma ci sono modi per migliorare l'assunzione di sodio sotto il suo controllo".

I seguenti 6 alimenti sono le principali fonti di sodio nella dieta della società odierna:

  • Pane e panini – Il pane è ricco di carboidrati e calorie, ma secondo il nuovo rapporto è anche ricco di sale, anche se non ha un sapore salato.Un pezzo di pane può contenere più di 230 milligrammi di sodio, che rappresentano il 15% della quantità giornaliera raccomandata.
  • Salumi e salumi - Sebbene i salumi siano normalmente visti come un modo salutare di consumare, i salumi e il tacchino preconfezionato possono contenere fino a 1.050 milligrammi di sodio e vengono aggiunti alla maggior parte delle carni cotte per evitare che si rovinino.
  • Pizza – La pizza contiene grassi, calorie e colesterolo, ma secondo il rapporto contiene anche alti livelli di sodio, circa 760 milligrammi per fetta.
  • Pollame – La credenza comune è che il pollo non sia male per te.Tuttavia, i livelli di sodio presenti nel pollame sono sempre diversi, a seconda di come viene preparato.L'opzione migliore è quella di attaccare con pollo grigliato, magro e senza pelle, anche se questi tipi hanno ancora aggiunto sodio.
  • Zuppa – Anche se la zuppa non è considerata malsana, soprattutto perché le mamme la usano come rimedio quando i bambini sono malati, può contenere fino a 940 milligrammi per porzione.
  • Panini – Che si tratti di un hamburger, un panino al tonno o un formaggio grigliato, il pane di un panino e i salumi contengono entrambi sodio e quando si aggiunge ketchup o senape, un panino potrebbe contenere fino a 1.500 milligrammi di sodio .

Il recente rapporto ha rilevato che ogni ristorante e marchio prepara gli alimenti in modo diverso, quindi lo stesso cibo può contenere livelli di sodio molto diversi.Cercare il segno di spunta da parte dell'AHA può aiutare a distinguere tra le opzioni salutari e non salutari.

L'eccesso di sale può danneggiare l'aspetto fisico e la salute del cuore.Troppo sodio può causare gonfiore del viso, borse per gli occhi e gonfiore delle dita.Secondo un sondaggio dell'AHA, il 75% delle persone ha riferito di sentirsi i pantaloni più stretti dopo aver consumato una quantità eccessiva di sale.

Scritto da Christine Kearney

Tutte le categorie: Blog